La famiglia Santini dona al Comune di Arcidosso due immobili a Montelaterone. Saranno destinati a pubblica utilità

Il Sindaco Marini: "Questo ulteriore lascito dimostra che il nostro territorio entra nel cuore delle persona".Arcidosso: Ufficializzata davanti al notaio la donazione di un antico casolare e relativo terreno a Montelaterone a favore del Comune di Arcidosso da parte della Famiglia Santini, che in memoria della congiunta Sig.ra Elena, ha deciso di compiere un gesto di assoluta bellezza a favore della comunità e del territorio a cui era molto legata.

Il Sig. Andrea Santini, residente a Firenze ma di origini maremmane, accompagnato dal figlio Alessandro, ha siglato lunedì scorso insieme al Sindaco di Arcidosso, Jacopo Marini, l’atto di donazione al Comune di una casa nel centro abitato di Montelaterone, con una superficie di 75 mq e di un terreno adiacente da destinarsi entrambi a scopi sociali per l’antico borgo alla pendici del Monte Amiata.

A tale scopo, al fine di garantire la pubblica utilità degli immobili ricevuti in lascito, l’Amministrazione Comunale di Arcidosso ha manifestato l’intenzione di affidare la gestione della casa alla Cooperativa di Comunità di Montelaterone, recentemente istituita da alcuni abitanti il borgo proprio per rilanciarne la vita socio-economica, mentre il terreno sarà riqualificato dal Comune ed adibito a parco pubblico.

Il Sindaco Marini ha dichiarato: “Sono molto contento per questo importante gesto e voglio esprimere la mia gratitudine, a nome anche di tutta la cittadinanza, alla Famiglia Santini per aver deciso di destinare a favore della comunità di Montelaterone questi beni immobili che, sono sicuro, contribuiranno a dare impulso alle prospettive di rivitalizzazione del paese. E’ nostra intenzione di ricordare tale lascito chiamando l’immobile “la Casa di Elena” e il terreno prospicente il “Giardino di Elena” per renderli fruibili per scopi sociali, ricreativi ma anche di promozione e credo che l’aver individuato la Cooperativa di Comunità, insieme ai Signori Santini, il soggetto gestore sia la migliore soluzione in tal senso”. “Questa donazione – prosegue il Sindaco – ci carica di una importante responsabilità, considerando che si aggiunge ad altri lasciti che nel corso di questi ultimi anni il Comune ha beneficiato, anche da parte di cittadini non residenti o non originari della zona, che hanno evidentemente trovato qui ad Arcidosso una dimensione valoriale che è entrata nel cuore e che ci impegna a dover essere preservata e valorizzata”.