Il sogno di una nuova umanità. Incontro con Guidalberto Bormolini

Mercoledì 29 giugno presso la sede della Pro Loco Grosseto, in Piazza del Popolo, presentazione del libro di Guidalberto Bormolini "Questo tempo ci parla".

Grosseto: La rivoluzione spirituale e il sogno di una nuova umanità: un dialogo fra padre Guidalberto Bormolini e il giornalista e scrittore Mario Lancisi, che insieme hanno realizzato il libro “Questo tempo ci parla”.

Questo è il tema dell’incontro che si terrà mercoledì 29 Giugno alle ore 18.30 e che vedrà ospite il sacerdote tanatologo dei “Ricostruttori nella preghiera” della Pro Loco cittadina, in piazza del Popolo.

 «La paura che soffoca la speranza è una maledizione – afferma Bormolini –. Nessuna opera che usi la paura come movente o minaccia può essere di carattere spirituale». Da questa intima convinzione prende le mosse la riflessione di questo religioso dei «Ricostruttori nella preghiera» e fondatore dell’associazione «TuttoèVita», che dal 2013 accoglie chi è in cerca di un senso più profondo dell’esistenza in un mondo disorientato e ferito.

Il colloquio stringente con Lancisi è l’occasione per una visionaria e quanto mai profetica meditazione sul presente e sugli orizzonti che si profilano: oltre la prospettiva consumistico-tecnologica, robotico-informatica e transumanista ci sono altre strade per il futuro dell’umanità? Bormolini prende le mosse dalla pandemia:

«Però resta alto il rischio che nemmeno questo trauma sia sufficiente, e che il rifiuto di prendere coscienza della vita e della morte, la terribile tentazione di anestetizzarsi, possa ancora una volta prevalere. L’umanità si trova davanti a un bivio molto più marcato di qualsiasi altro abbia incontrato dopo la Grande Guerra. Questi decenni hanno visto molti momenti critici, ma la crisi che stiamo vivendo mi sembra più profonda, perché coinvolge aspetti esistenziali decisivi».

Prosegue quindi con una critica alla società dell’opulenza: «Abbiamo rovinato tante bellezze del pianeta con comportamenti consumistici, predatòri e individualisti. Si cerca la felicità là dove non c’è, e inevitabilmente i nostri sogni divengono incubi, perché cerchiamo con tutte le forze qualcosa che non sazierà mai la nostra fame più profonda; questo atteggiamento avido ha gettato l’umanità in una condizione di eterna insoddisfazione e infelicità. Il peggiore degli incubi è dimenticarsi chi siamo, e che siamo intessuti della materia dei sogni e più di invisibile che di visibile, che ciò che conta non è ciò che abbiamo, ma ciò che siamo. E quando ce ne accorgeremo sarà forse troppo tardi».

Il dialogo si sviluppa avvincente, vengono toccati moltissimi temi, non ultime le passioni: «Dobbiamo capire che le passioni sono forze preziosissime, ma se non sono educate generano inquietudine, ottenebrano la coscienza e sottraggono all’uomo pace e libertà interiori. Le passioni vanno conosciute e ben utilizzate, ma l’ignoranza impedisce di lavorare interiormente e spinge quindi verso la schiavitù. La sapienza indiana definisce questo stato con il termine Avidya. Significa la non-conoscenza, l’ignoranza, la cecità spirituale. Uno stato che ci impedisce di distinguere l’eterno da quello che eterno non è, il puro dall’impuro, il bene dal male. Siamo senza occhi interiori incapaci di realizzare che le cose possedute e le nostre conquiste spesso non sono il nostro vero bene».

Questo tempo, con le sue contraddizioni, ci parla. E non possiamo permetterci di ignorare il messaggio. Occorre ripensare dunque i modelli di civiltà: in campo sociale, ambientale, culturale, economico-finanziario e della salute. Occorre risvegliarsi dal torpore per immaginare un progetto che contempli, finalmente, la capacità di accontentarsi e di condividere, il silenzio e la bellezza, l’amore per la vita e l’accettazione della finitudine, gli imprescindibili diritti materiali e quelli spirituali. Sotto il soffio dello Spirito – sostiene padre Guidalberto – si può.

Arricchiscono il testo i significativi interventi di Franco Arminio, Giovanni Caccamo, Niccolò Branca, Grazia Francescato, Mario Capanna, Svamini Hamsananda Ghiri, Franco Berrino, Enzo Scotti.

Guidalberto Bormolini è assistente spirituale, conferenziere e tanatologo. Laureato alla Pontificia Università Gregoriana, ha conseguito la Licenza in Antropologia teologica ed è dottorando in Teologia spirituale presso l’Ateneo S. Anselmo di Roma. Vive e lavora nella comunità dei «Ricostruttori nella preghiera», e sta restaurando un borgo in rovina e disabitato sull’Appennino di Prato. Il borgo si chiama «TuttoèVita» e avrà anche un hospice che accoglierà malati nei tempi ultimi, per assistenza e accompagnamento spirituale.

Mario Lancisi, giornalista e scrittore, a lungo inviato del Tirreno e collaboratore dell’Espresso, scrive oggi per il Corriere Fiorentino. È autore di inchieste e biografie, fra cui si ricordano Processo all’obbedienza. La vera storia di don Milani (Laterza 2016) e testi dedicati a Gino Strada, Adriano Sofri, Padre Alex Zanotelli. Con il magistrato Gian Carlo Caselli ha scritto “Nient’altro che la verità”, (Piemme 2015). Per TS Edizioni è uscita nel 2021 l’inchiesta “Preti verdi. L’Italia dei veleni e i sacerdoti simbolo della battaglia ambientalista”.