Gioco di specchi tra Russia e Ucraina alla rassegna “La Lettrice”

Lunedì 8 agosto irrompono i Demoni russi

Castiglione della Pescaia: La rassegna “La Lettrice”, lunedì 8 agosto alle 21.30, torna in scena sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista nel borgo di Castiglione della Pescaia. Protagonista l'attrice Sara Donzelli che in questa edizione, iniziata a luglio, ci sta conducendo in un viaggio tra il bene e il male nella letteratura mondiale. 

“La Lettrice”, organizzata dall'Accademia Mutamenti con la cura scenica di Giorgio Zorcù e il sostegno del Comune di Castiglione della Pescaia, è una proposta intima dedicata all’ascolto. Ogni serata è unica e prende vita attraverso le parole di grandi autori, la maestria della voce e del gesto di Sara Donzelli, la lieve presenza di luci e musiche che incorniciano l’evento. Al centro delle proposte di questa sesta edizione, un cuore dedicato a un gioco di specchi tra Russia e Ucraina, grandi culture del nostro patrimonio europeo. Dopo “Cuore di cane” di Bulgakov (Ucraina-Russia), della scorsa settimana, lunedì 8 agosto irrompono i “Demoni russi” (Russia-Ucraina). La bella antologia a cura di Andrea Tarabbia testimonia il fascino che possessioni, sortilegi, incubi e forze impure hanno esercitato sulla letteratura russa. Sono stati selezionati due racconti di autori d’eccezione: Gogol’, nato in un villaggio della campagna di Kiev, e Cechov, nato a Taganrog, cittadina portuale russa sul Mar d’Azov, poco distante dal confine ucraino.


La rassegna si chiuderà il 29 agosto con una serata speciale per Carlo Fruttero, scrittore che tanto ha amato Roccamare e Castiglione della Pescaia, luoghi che sono stati per lui anche fonte d'ispirazione. Sara Donzelli leggerà alcuni brani tratti da “Ti trovo un po' pallida”. Una dedica a Carlo Fruttero, nel decennale della scomparsa, con la sua ghost story che racconta di una giornata trascorsa in gita da una combriccola squinternata di amici molto blasé, che parlano in inglese, in italiano e in francese di cose frivole, di niente praticamente. Col suo stile leggero e acuto l’autore prende in giro loro, e in fondo anche se stesso.

Ingresso gratuito.

Info: Accademia Mutameti: 388.5850722.