Cuore di Massa Marittima torna a battere con il 125 Balestro del Girifalco

Domenica 14 agosto, alle 21 e 30. Presentato il Palio che andrà al terziere vincitore, realizzato dal pittore Fabio Calvetti. I nomi dei balestrieri protagonisti della serata e i vincitori del Balestruzzo.

Massa Marittima: Domenica 14 agosto, alle 21 e 30, a Massa Marittima, in piazza Garibaldi, si rinnova il tradizionale e affascinante spettacolo del Balestro del Girifalco, disputato in notturna, e quest’anno dedicato al centenario della morte del poeta Renato Fucini. Per le vie del centro si muoverà il corteo storico, composto da oltre 150 figuranti in abiti medievali, che raggiungerà la piazza Garibaldi, dove le evoluzioni degli sbandieratori precederanno la gara vera e propria in cui si misureranno 24 balestrieri, 8 per ogni terziere. Il balestriere vincitore, la cui freccia si sarà conficcata più vicina al centro del corniolo, riceverà in premio una simbolica freccia d’oro, mentre al suo Terziere verrà assegnato il Palio, che in questa edizione è stato dipinto dal pittore Fabio Calvetti.


 Il Palio del 125 Balestro del Girifalco, come è consuetudine, è stato presentato sabato 13 agosto, nel corso della cerimonia ufficiale che si è tenuta nel Palazzo dell’Abbondanza, alla presenza del sindaco Marcello Giuntini, del vicesindaco e assessore al Balestro Maurizio Giovannetti e di Angelo Soldatini, rettore della Società dei Terzieri Massetani. Il pittore ha spiegato il suo lavoro: “La realizzazione del Drappellone è un intervento complesso che obbliga l’artista ad una rappresentazione di temi e suggestioni che si tramandano da secoli nell’immaginario di una comunità e si rinnovano come in una sorta di aspettativa collettiva. – commenta Fabio Calvetti - Sopra a tutto ho dipinto il monogramma di Cristo su fondo oro e una rappresentazione dalla Cattedrale di San Cerbone realizzata con tratti rapidi di color rosso. Sotto, il volto reclinato di una donna, che ci guarda negli occhi o che forse sta ricordando il Duomo come in un sogno ad occhi aperti. Questa donna, sia intesa nella forma più alta della Vergine Maria o più semplicemente nella figura di una madre terrena, è simbolo di vita, della forza e del coraggio necessarie per affrontare le difficoltà. Più sotto, su un bel fondo rosso primario, ho realizzato il ritratto un po’ sbiadito di Renato Fucini, lo scrittore a cui è dedicata, a cento anni dalla morte, questa 125° edizione del palio massetano. Anche lui ci guarda negli occhi, come a ricordarci che il valore profondo della cultura non può essere dimenticato e neppure disgiunto dall’importanza di mantenere vive le nostre tradizioni, di cui il Balestro è un magnifico esempio. Nello spazio in fondo, dove tutto si appoggia ho riprodotto gli stemmi dei terzieri. Ho scelto colori luminosi per dare un segnale positivo, con l’auspicio di guardare al futuro con ottimismo e felicità”.

Ma ecco i nomi dei Balestrieri che si contenderanno il 125 Balestro del Girifalco: 

Per Cittanuova Francesco Manetti; Tommaso Pazzini; Cosimo Gabbrielli; Luca Gasperi; Jacopo Tribbioli; Lorenzo Balestri; Fabio Badii; Tiziano Viggiani. 

Per Cittavecchia Sandro Grosoli, Matteo Donati; Paolo Martini; Manuele Magrini; Paolo Boddi; Alessandro Vagnetti; Angelo Tonelli; Simone Avellini. 

Per Borgo: Alessandro Pozzo; Andrea Grassini, Alberto Stanghellini; Michele Mori; Massimo Cinci; Dario Martellucci, Lorenzo Toninelli, Patrizio Gentili.

La vendita dei biglietti per assistere alla gara nei posti numerati sulle tribune prosegue fino al 14 agosto presso l’Ufficio turistico, in piazza Garibaldi, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Per informazioni 0566 906554. Il Balestro è stato anticipato dal Balestruzzo, la gara di tiro con la balestra per piccoli balestrieri che si è tenuta venerdì 12 agosto, alle 21, al Cassero Senese, con la partecipazione dei piccoli musici e sbandieratori della scuola della Compagnia Sbandieratori e Musici. Questi i nomi dei vincitori: al primo posto Paolo Arnaldi di Borgo; al secondo posto Ginevra Zanchini di Cittanuova e al terzo posto Alice Giovannetti di Cittanuova.


Fabio Calvetti è nato nel 1956 a Certaldo, cittadina in provincia di Firenze dove risiede. Si è diplomato al Liceo artistico e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Firenze nella Scuola di Pittura. Ha tenuto esposizioni personali in Musei e spazi pubblici di grande rilievo come Palazzo Venezia a Roma, lo Shinjuku Park Tower di Tokyo, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Arezzo, il City Art Museum in Corea e la Biblioteca Marciana di Venezia. Ha esposto a Seoul nel Seoul Art Center, al Museo Utrillo-Valadon in Francia, ad Avellino nel Museo Ex Carcere Borbonico. In Giappone è stato inserito nell’importante progetto del World Artist Tour accanto a nomi del calibro di Tom Wesselmann, Alex Katz e George Segal.