25 Lavoratori licenziati alla MT/Bertani

Un altro schiaffo alla città in nome degli appalti e dello sfruttamento. Livorno: I 25 Lavoratori licenziati ed umiliati dalla MT/Bertani rappresentano un' altra pagina, e purtroppo non sarà neanche l’ultima, di quel capitolo oscuro delle politiche liberticide del lavoro portate avanti da certi ”Prenditori” nella nostra città. Una città che in poco più di un ventennio ne ha viste di tutti i colori.

Privatizzazioni, liberalizzazioni, delocalizzazioni, e appalti a ribasso con un unico scopo, quello di garantire sempre e comunque il profitto dell’Impresa sulla pelle di chi lavora.

I 25 Lavoratori licenziati dalla MT,società della logistica in appalto al Gruppo Bertani,non hanno niente a vedere con la mancanza di lavoro causa Covid.

In realtà le politiche occupazionali portate avanti da Bertani negli ultimi anni sono state molto chiare;prima il lavoro in appalto,poi i ricatti e la progressiva riduzione dei diritti, del salario e della dignità lavorativa e umana,e come ultimo tassello il licenziamento.

Come Area congressuale “Riconquistiamo tutto”, opposizione Cgil, sosteniamo l’assoluta necessità di porre la parola fine a questi processi disumani che pongono i Lavoratori sul lastrico.

Occorre riformare completamente i criteri delle concessioni delle Aree portuali, retroportuali ed industriali perché i veri investimenti siano indirizzati verso la manodopera di qualità con contratti di lavoro stabili, regolari e dignitosi.

Notiamo altresì che in questa dolorosa vicenda le Istituzioni, le Amministrazioni, siano sterili e sopraffatti dallo strapotere imprenditoriale che continua e regnare indisturbato.

Ai 25 Lavoratori licenziati dalla MT/Bertani esprimiamo tutta la nostra massima Solidarietà.

 

Area congressuale “Riconquistiamo tutto”, opposizione Cgil