Giovanni Di Meo torna in Rifondazione Comunista.

Grosseto: Giovanni Di Meo ha deciso, dopo una lunga riflessione, che per il 2022 tornera' a iscriversi a Rifondazione.
Questo comportera' la chiusura della sezione Grossetana del Fronte Verde, ora denominato Piueco.

Di Meo ha preso questa decisione perche' sono tornate all' ordine del giorno la questione del nucleare e gli ogm, che non solo, ma soprattutto rifondazione, aveva bloccato.
Cio' ha fatto tornare il dibattito sulla questione ambientale indietro di almeno 10 anni.
Mentre Fronte Verde, anche come indicato dal simbolo del partito, un arciere stilizzato, voleva guardare avanti, ma in queste condizioni e' impossibile.

«Le scorse elezioni - si legge nella nota di Giovanni Di Meo - hanno dimostrato che destra e sinistra ancora esistono ed anche se con Piueco abbiamo cercato di superare queste categorie, per portare all''ordine del giorno l' ambiente e basta, non abbiamo grandi numeri per fare tutto questo da soli.
Forse non sono del tutto maturi i tempi per fare questo.

Ho scelto Rifondazione, anche se e' anch' esso un partito piccolo, perche' quasi tutte le battaglie ambientaliste sono legate alla lotta contro un capitalismo sempre piu sfrenato e dalle pretese totalitarie e perche' il principale avversario per gli ambientalisti e' individuato nella Lega di Matteo Salvini, che ripropone il nucleare, quindi ho scelto un partito completamente agli antipodi di Salvini.

Inoltre molti degli iscritti non avrebbero rinnovato la tessera di PiuEco, anche perche' la lista che abbiamo appoggiato, cioe Italexit con Paragone, non e' riuscita ad entrare in consiglio comunale.

Con questa mia nota, l' ultima, ringrazio il presidente nazionale del partito di PiuEco Vincenzo Galizia per le opportunita' concessemi di rappresentare il suo partito nella mia citta' ed auguro un buon 2022 a tutti I cittadini di Grosseto».