Il Natale si avvicina a grandi passi e nelle strade si avverte già quella magia dell’aria natalizia che con i suoi colori scintillanti mette gioia ed allegria. In occasione di questa festività, in assoluto una delle più sentite in Italia, tornano alla ribalta tradizioni che vengono seguite alla lettera in tutto lo Stivale.

In questo articolo ci concentriamo proprio sulle tradizioni tipiche del Natale, per passare insieme alla famiglia attimi di relax e staccare un po’ la spina.

L’albero ed il presepe

Non è Natale senza l’albero. Vero o ecologico, piccolo o grande, l’albero di Natale non può mancare nelle case degli italiani, ma anche nei negozi, negli uffici e nei centri commerciali. Generalmente si prepara l’8 dicembre, giorno dell’Immacolata, anche se molte persone lo fanno già ai primi giorni di dicembre.

Ognuno può decorare l’albero come vuole: c’è chi lo fa monocolore, scegliendo appunto un unico colore e solitamente si scelgono colori tipici del Natale come il rosso, il blu, l’oro o l’argento. Altri invece preferiscono combinare due o più colori, per dare un maggiore tocco personale.

A braccetto con l’albero troviamo spesso il presepe. Pur essendo una tradizione tipicamente meridionale, negli ultimi anni si sta diffondendo anche al Nord Italia. I presepi possono essere enormi, diventando vere opere d’arte, o piccolissimi. Gli appassionati si costruiscono il presepe anno per anno, aggiungendo di volta in volta nuovi pastori e nuovi edifici. I presepi più tecnologici prevedono addirittura corsi d’acqua e ruscelli che danno una straordinaria sensazione di realismo.

La tradizione vuole che alla mezzanotte del 24 dicembre venga collocato il Bambin Gesù nella grotta del presepe, mentre i re magi vengono collocati nel giorno dell’Epifania.

I regali da mettere sotto l’albero

A proposito di albero, la tradizione vuole che proprio sotto di esso vadano collocati i regali da scartare la notte del 24. Che regali fare? La scelta è molto vasta ma, negli ultimi tempi, vanno per la maggiore i gadget natalizi che hanno un’utilità reale nella vita di tutti i giorni.

Qualche esempio? Ci sono i gadget natalizi personalizzati come i set comprensivi di tazza e cioccolato. Molto apprezzati anche i cesti natalizi, contenenti leccornie varie sia dolci che salate come pasta, vino, salami, formaggi ecc. Tra i gadget per Natale molto apprezzati ci sono proprio i set da vino che, oltre a pregiate bottiglie, contengono anche sacchetti e cavatappi di dimensioni e forme molto simpatiche.

Il Natale è ormai alle porte, ma c’è ancora tutto il tempo per fare regali personalizzati che saranno sicuramente apprezzati.

Il cenone della vigilia di Capodanno

Altra tradizione immancabile è il cenone di Capodanno, da fare in casa con amici e parenti oppure in un locale per non avere il pensiero di cucinare. I menù sono molto ricchi e variano dalla carne al pesce.

Per quanto riguarda i primi la proposta è molto ampia: si va dagli anelletti al forno ai tortelloni di ricotta ed erbe, dalle sofisticate lasagne ai funghi agli gnocchi di zucca, dai tagliolini al ragù di agnello fino ai tradizionali cannelloni ripieni con ricotta e ragù.

Anche per il secondo c’è abbondanza di offerta sia di carne che di pesce. Tra le pietanze da servire ci sono lo stinco di maiale al forno, i gamberoni al forno, le rollatine di pollo, il cosciotto di tacchino, i moscardini con patate e piselli, le sardine impanate, le costine di agnello al sugo, gli anelli di calamaro e tanto altro ancora.

Per quanto riguarda i dolci sono d’obbligo pandoro e panettone, poi a seconda delle varie tradizioni regionali si possono servire pietanze tipiche del posto. A fine pasto generalmente viene servito il cotechino con le lenticchie, auspicio di soldi e di fortuna. A tal proposito c’è una tradizione spagnola esportata da tempo nel nostro paese: mangiare 12 chicchi d’uva negli ultimi 12 secondi della mezzanotte. Se non riesci puoi prenderti qualche secondo in più!

Il veglione di Capodanno

Immancabile poi è il veglione di Capodanno, che ognuno decide di passare come ritiene più opportuno. Per i giovani il veglione significa notte in discoteca, per salutare l’anno vecchio che se ne va e dare il benvenuto al nuovo anno tra musica dance e luci stroboscopiche.

Gli adulti, ma talvolta anche i più giovani, preferiscono invece radunarsi a casa di amici per giocare fino all’alba a giochi di carte o giochi da tavolo. Ci sono poi quelli che decidono di passare la mezzanotte del nuovo anno concedendosi un weekend romantico. Le opzioni sono davvero tante per le coppie, che possono optare per una capitale europea, un weekend alla spa o semplicemente una notte in agriturismo per vivere momenti di puro relax a stretto contatto con la natura.

Ultimamente va per la maggiore il Capodanno in crociera, una soluzione adatta per famiglie, gruppi di amici, coppie e single. Le varie crociere vengono organizzate addirittura a tema, proprio per offrire ad ogni categoria una proposta all’altezza delle loro aspettative e vivere un Capodanno al massimo.